↑ Torna a Gruppo di Lavoro

Francesco Zanotelli

Francesco Zanotelli, dopo la laurea in Filosofia con indirizzo etno-antropologico, conseguita presso l’Università di Siena con una tesi dal titolo Credito e dipendenza in un villaggio del Messico contemporaneo, ha conseguito il Dottorato in Scienze antropologiche all’Università di Torino, discutendo una tesi dal titolo Denaro meticcio. Circolazione monetaria e rappresentazione della persona nel Messico Occidentale (2005).

Si è occupato di immigrazione e lavoro irregolare nell’ambito di due ricerche finanziate dalla Confederazione Nazionale Artigiani (CNA). La prima ha riguardato il fenomeno del caporalato nel comparto edile in provincia di Siena (1998); la seconda, per la quale ha svolto anche la funzione di coordinatore dell’équipe di ricerca, ha riguardato il fenomeno della deregolamentazione del lavoro e dell’organizzazione del lavoro basato sulla sub-contrattazione collegato alle migrazioni dal sud Italia e dall’estero.

In seguito a tali ricerche, ha stretto rapporti di collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche, Storiche e Sociali dell’Università degli Studi di Siena (prof. Fabio Berti), per il quale sono state realizzate altre indagini riguardanti il fenomeno migratorio. Nell’ambito delle attività del C.R.E.A., nel quadro della collaborazione con il Dipartimento sopra citato e per conto dell’IRES Toscana, ha partecipato alla ricerca Reti etniche e domanda di lavoro immigrata, realizzando alcune interviste a imprenditori della provincia di Siena sul loro rapporto con la mano d’opera immigrata extracomunitaria (2004). Ha inoltre coordinato la ricerca Nuovi cittadini in Val d’Elsa. Un’indagine sulla mobilità ed il radicamento meridionale, progettata da CREA per conto del Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche, Storiche e Sociali dell’Università di Siena e dell’Osservatorio sul Fenomeno Migratorio istituito dalle Amministrazioni comunali della Valdelsa senese.

Per conto dell’Idast (Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia orale in Toscana) e del Comune di Poggibonsi, ha coordinato la ricerca La Memoria dell’impresa dal secondo dopoguerra ai primi anni Settanta, sotto la supervisione del prof. Pietro Clemente e del prof. Fabio Dei. In ambito universitario, ha inoltre collaborato al progetto Network di parentela, generazioni, nuove forme di famiglia inserito nel Piano di Ateneo per la Ricerca dell’Università di Siena (prof. P. G. Solinas) e al progetto Famiglia, parentela e modelli di assistenza: il ruolo della cultura in area mediterranea finanziato dall’Università di Torino (prof. Pier Paolo Viazzo).

Da alcuni anni si occupa del valore economico della persona in ambito messicano e italiano. Recentemente, in qualità di docente a contratto di Antropologia economica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, ha condotto un corso sul tema Il corpo economico, affrontando i temi del commercio degli organi e delle persone nel mondo globalizzato.

Docente di discipline antropologiche presso l’Università di Siena, l’Università di Venezia e l’Università di Bologna, è attualmente è assegnista di ricerca presso la Scuola di Dottorato ‘L’interpretazione’ del Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Siena.

Nell’ambito delle attività del C.R.E.A. ha partecipato alla ricerca Adulti e giovani adulti in Provincia di Siena, ha coordinato la giornata di studio Subire la cooperazione: aspetti critici dello sviluppo nell’esperienza di antropologi e cooperanti e ha partecipato all’organizzazione del ciclo di seminari Medicina e Cooperazione.

Tra le sue pubblicazioni, Santo Dinero. La finanza morale in due comunità del Messico occidentale contemporaneo (Torino, il Segnalibro, 2006), Emigrare nell’ombra. La precarietà delle nuove migrazioni interne (Milano, Franco Angeli, 2008, con Fabio Berti) e Subire la Cooperazione? Gli aspetti critici dello Sviluppo nell’esperienza di antropologi e cooperanti (Catania, Edizioni Ed.it, 2008, con Filippo Lenzi Grillini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.